Realizzare pavimenti con impianto di riscaldamento radiante

  • Service Slider
  • Service Slider
  • Service Slider
  • Service Slider
  • Service Slider
  • Service Slider

Indicazioni di buona pratica.

  • Interfacciarsi con la società installatrice per capire le caratteristiche dell’impianto
  • Studiare un progetto che tenga conto dell’impianto
  • Studiare una logistica di cantiere adeguata
  • Corretta preparazione dei campi di getto
  • Grande attenzione durante il getto del massetto al fine di evitare danneggiamenti
  • Tenere sempre l’impianto in pressione

I nostri consigli

Progettare la piastra -

Nel progettare la piastra andrebbe sempre considerato uno spessore ed un'armatura maggiorata, per sopperire al peggioramento delle caratteristiche strutturali dovuti al passaggio della fitta rete di tubi. Quindi sconsigliamo spessori minimo, se non considerando l'uso di calcestruzzi speciali ad altissima resistenza. bisognerebbe inoltre farsi rilasciare la documentazione sul carico sopportabile dallo strato isolante qualora previsto.

Preparare il campo di getto +
Durante la posa in opera +

Il riscaldamento a pavimento è una tipologia di climatizzazione per ambienti sempre più diffuso perchè garantisce un gran numero di vantaggi: risparmio energetico, distribuzione ottimale del calore nelle stanze, scarsa manutenzione. Tuttavia è necessario considerare che richiede alcune attenzioni tecniche sulla pavimentazione da scegliere.

Come è fatto l’impianto

Un impianto di riscaldamento ad acqua prevede la presenza di una caldaia, dei raccordi, una serie di termostati per regolare la temperatura ed un sistema di tubazioni raggianti realizzate in materiale plastico ( Spesso Pvc rinforzato), che vengono annegate nel massetto. Si posizionano spesso  anche pannelli isolanti ed una barriera contro l’umidità sotto al massetto per non disperdere il calore.

Il Progetto di un pavimento ed il massetto riscaldante

Il progetto del pavimento deve tener conto della presenza dei tubi. Questi sono strutturalmente dei punti deboli in quanto hanno una resistenza a compressione diversa rispetto al calcestruzzo e bisogna considerare sempre il loro posizionamento all’interno dello spessore del massetto: se il posizionamento è troppo superficiale possono provocare lesioni dovute al carico, d’altra parte, se però è troppo profondo l’efficenza termica diminuisce. Come interagiscono con la soletta questi vuoti? In che modo interagiscono con le armature e con la dilatazione della piastra in fase di maturazione? E, tecnicamente, come sono ancorati? il materiale isolante è in grado di sopportare i carichi previsti o si potrebbe deformare? Sono tutti quesiti che il progettista si deve porre.

La posa in opera

La posa in opera di un pavimento a riscaldamento va fatta con grandissima cura, essendo moltissimi i problemi che si possono verificare. Il calcestruzzo può spostare i tubi, sia durante il getto che nella fase di dilatazione. Se ad esempio durante il getto un tubo si stacca dai propri fermi, questo tenderà a risalire in superficie, e potrebbe bucarsi. In questo caso la preparazione del getto dev’essere perfetta.